BLUE BOOKS

corp, couleur, immateriel

(foto scultura spugna blu, senza titolo, 1961)

Klein divenne famoso col nome di “Yves – le Monochrome”.

“il blu unifica cielo e terra, dissolve il piano universale”

I suoi dipinti, tele di ampie dimensioni, tendono verso qualcosa, come dichiarò lo stesso Klein, che non è mai nato e mai morto, verso un valore assoluto. La monocromia, principio stilistico fondamentale dell’arte di Klein, fu l’inizio di una ricerca universale.


(blue sponge photo sculpture, Untitled, 1961)

Klein became famous under the name of “Yves – The Monochrome”.

“unifies the blue sky and the earth, dissolves the universal plan”

His paintings, paintings of large size, tend toward something, as said Klein, who was never born and never died, to an absolute value. The monochrome styling fundamental principle of the art of Klein, was the beginning of a universal search.


blu. storia di un colore di Michel pastoureau

La storia del blu è un autentico rebus storico. per i popoli dell’antichità contava poco; per i romani era il colore dei barbari e aveva quindi connotazioni negative.

Oggi il blu è di gran lunga il colore preferito in tutta Europa, e la sua popolarità distanza di molto quella del verde e del rosso. C’è stato dunque, nel corso dei secoli, un rovesciamento completo dei valori.

Il libro si concentra su tale rovesciamento. Mostra dapprima il disinteresse dell’antichità fino al Medioevo; poi segue in tutti i campi l’ascesa progressiva e la considerevole valorizzazione dei toni blu a partire dal XII secolo, soprattutto nell’abbigliamento della vita quotidiana. Enfatizza i valori sociali, morali, artistici e religiosi di questo colore fino al periodo romantico. Infine mette in risalto il trionfo del blu nell’epoca contemporanea, stende un bilancio dei suoi usi e dei suoi significati e si interroga sul suo futuro.

 

The story of the blue is an authentic historical puzzle. For the Romans it was the color of the barbarians and so had a negative connotations.

Today, blue is by far the favorite color in the whole of Europe, and his popularity is far distant from green and red. There was, therefore, over the centuries, a complete reversal of values.

The book focuses on the reversal. First shows the indifference from the antiquity and the Middle Ages; then follows the rise from the twelfth century, especially in clothing of everyday life. Emphasizes the social, moral, artistic and religious side of this color until the Romantic period. Finally highlights the triumph of the blue in the contemporary age, strikes a balance of its uses and its meanings and is uncertain about his futur.

 

 


JULIE MAROH
Il blu è un colore caldo

Bestseller in Francia e vincitore del premio Fnac al Festival di Angoulême 2011, da cui è stato tratto La vita di Adèle, il film vincitore della Palma d’Oro al Festival di Cannes 2013.

Bestseller in France and Fnac prize winner at the Festival of Angoulême in 2011, from which it was derived Adèle’s life, the film that won the Palme d’Or at the Cannes Film Festival 2013.